Benvenuti, oggi è giovedì 24 agosto 2017 - ore: 03.39
Facebook

Comune di Foiano della Chiana

DECLINAZIONE DONNA: UN MESE DI INIZIATIVE DEDICATE ALLE DONNE

GENERE E NUMERO - DECLINAZIONE DONNA
un mese di iniziative dall'8 marzo all'8 aprile dedicato alle donne
a cura dell'Assessorato pari opportunità

Tutti gli appuntamenti a Foiano per la Giornata Internazionale della Donna
Ingresso libero

Mercoledì 8 marzo l'Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Foiano della Chiana inaugura la rassegna "GENERE E NUMERO – DECLINAZIONE: DONNA": arte, psicologia e medicina si alternano e si fondono dando vita ad una serie di incontri dedicati ai diritti delle donne, alla loro sensibilità e alla parità di genere, in collaborazione con il Centro Pari Opportunità della Provincia di Arezzo, SPI-CGIL, Associazione La Bottega dell'Arte, Associazione Foiano Quinto Cantiere, Associazione Astrolabio, Centro Lorenzo Mori.

“Arte donna” - Mostra d’arte
Mercoledì 8 marzo – Domenica 2 aprile, Galleria Furio del Furia
in collaborazione con l’Associazione “La Bottega dell’Arte”
La mostra resterà aperta sino al 2 arile ogni sabato e domenica dalle 16:00 alle 19:00

Sabato 11 marzo, ore 16,30, Biblioteca Comunale
“Diritti di scelta e salute: ricadute sulla vita della donna”
Incontro con la dott.ssa Marina Toschi
in collaborazione con l’Associazione Foiano Quinto Cantiere
Marina Toschi, ginecologa, ex Consigliera di Parità della Regione Umbria, è impegnata nella tutela della salute delle donne sia nella professione in Consultorio, sia nel Movimento delle Donne nei vari tavoli di discussione in corso.
La intervisterà la Dottoressa Lucia Bagnoli, ginecologa, che ha lavorato molti anni a Foiano e in tutta la nostra zona.

Sabato 18 marzo, ore 21,30, Galleria Furio del Furia
“Musica donna”
Un connubio tra musica e teatro. Un viaggio dalla Seconda Guerra Mondiale fino ai giorni nostri scandito da quelle interpreti che hanno fatto della loro musica “La Storia” e della loro storia “La più bella musica”
in collaborazione con l’Associazione Astrolabio di Sinalunga ed il Centro Lorenzo Mori di Trequanda

Sabato 25 marzo, ore 16,30, Biblioteca Comunale
“Rappresentazioni al femminile – La distorsione del linguaggio”
conferenza con la dott.ssa Laura Occhini, docente presso l’Università di Siena, sede di Arezzo e la dott.ssa Maria Grazia Pinciani
in collaborazione con il centro Pari Opportunità della Provincia di Arezzo
Il linguaggio esprime la nostra rappresentazione della realtà: la scelta delle parole con cui esprimiamo un concetto definisce esattamente come ci rapportiamo ad esso. Una parola – anche apparentemente neutra – può screditare, sminuire, ferire o denigrare la persona a cui è rivolta. A volte può essere un comportamento consapevole e studiato (pensiamo al caso degli haters sui social network o agli attacchi personali in un conflitto relazionale); spesso, invece, è un meccanismo culturale interiorizzato frutto di apprendimenti sedimentati sui quali non si riflette e che si danno per scontati. Il linguaggio che si usa per rappresentare la parte femminile della nostra realtà è emblematico di quanto detto sopra. E non è solo questione di declinare al femminile professioni ed occupazioni: è una questione di approccio psicologico al tema e alle sue implicazioni.

BREVE CURICULUM VITAE
- Laura Occhini è ricercatrice di psicologia dello sviluppo e docente di psicologia dello sviluppo e psicologia del lavoro, presso l’Università di Siena – Dipartimento di Arezzo). E’ specialista in Psicologia Clinica (facoltà di Medicina e Chirurgia di Siena). Recentemente ha pubblicato un libro “La paura ed i suoi inganni” (Edizioni Aracne-Roma) frutto delle sue ricerche sul comportamento emotivo umano. Attualmente si occupa di ricerca psicologica d’archivio, in specifico di istituzioni manicomiali (per approfondimenti sul curriculum: http://www.dsfuci.unisi.it/it/dipartimento/docenti/laura-occhini)

 

ABSTRACT DELL’INTERVENTO DEL 25 MARZO 2017 - Il linguaggio esprime la nostra rappresentazione della realtà: la scelta delle parole con cui esprimiamo un concetto definisce esattamente come ci rapportiamo ad esso. Una parola – anche apparentemente neutra – può screditare, sminuire, ferire o denigrare la persona a cui è rivolta. A volte può essere un comportamento consapevole e studiato (pensiamo al caso degli haters sui social network o agli attacchi personali in un conflitto relazionale); spesso, invece, è un meccanismo culturale interiorizzato frutto di apprendimenti sedimentati sui quali non si riflette e che si danno per scontati. Il linguaggio che si usa per rappresentare la parte femminile della nostra realtà è emblematico di quanto detto sopra. E non è solo questione di declinare al femminile professioni ed occupazioni: è una questione di approccio psicologico al tema e alle sue implicazioni.

Sabato 1° aprile, ore 16,30, Galleria Furio del Furia
“La prospettiva femminile nell’Arte. Artemisia Gentileschi"
Conferenza con la dott.ssa Ambra Scali, Storica dell’Arte
in collaborazione con l’Associazione La Bottega dell’Arte
La subordinazione storica delle donne al mondo maschile e la loro storica assenza dalla scena pubblica ha condizionato fortemente anche la storia dell’arte e ha generato quello che molti studiosi hanno definito come il processo di “invisibilità a se stessi”. In questo incontro si parlerà della condizione femminile nella storia dell’arte e della donna come soggetto dell’artista, ma anche come soggetto artista.

Sabato 8 aprile, ore 16,30, Sala Gervasi
“Medicina di genere”
Conferenza con la dott.ssa Rossella Marcucci, Professore Associato Università di Firenze
in collaborazione con lo SPI CGIL, Associazione Quinto Cantiere e Centro Pari Opportunità della Provincia di Arezzo
“L’attenzione al genere in sanità pubblica […] ha come finalità l’appropriatezza sia nella prevenzione che nella diagnosi, sia nella cura che nella riabilitazione ed è indirizzata ad affrontare tutte quelle malattie comuni a uomini e donne, come le malattie cardiovascolari, neurodegenerative, autoimmuni, respiratorie e i tumori, che presentano importanti differenze tra i due sessi non solo nell’incidenza, ma anche nella sintomatologia, nella prognosi e nella risposta ai trattamenti”
“Quaderni del Ministero della Salute” n. 26 Aprile 2016

 


Area riservata
  

  

Accedi alla webmail
INDIRIZZO:
Piazza Cavour n. 1 52045 Foiano della Chiana Arezzo - Italy

PEC